PRESSOTERAPIA

PRESSOTERAPIA

La pressoterapia è una terapia fisica riabilitativa che attraverso la stimolazione meccanica di diverse aree del corpo aiuta a migliorare la funzionalità del sistema linfatico e circolatorio.

In pratica, funziona attraverso un dispositivo che grazie a getti d’aria regolabili, si gonfia e sgonfia,

riproducendo così un massaggio drenante nella zona trattata. Il progressivo afflusso e deflusso

dell’aria compressa nei cuscini permette di massaggiare i tessuti riattivando la microcircolazione e

gli scambi metabolici.

Il dispositivo dispone di otto camere separate che sono posizionate intorno agli arti e all’addome.

Le parti gonfiabili sono programmate per agire sullo spostamento del flusso venoso e linfatico,

partendo dalle caviglie e spostandosi sulle cosce e sull’addome. I tubolari gonfiabili possono anche

essere usati per le braccia.

Il dispositivo contempla l’utilizzo di programmi specifici e diversificati a seconda dell’area da

trattare e del disturbo da curare. Progettata, in origine, per aumentare la circolazione sanguigna e

linfatica, la pressoterapia ha dimostrato di avere effetti importanti sulla circolazione del fluido

extracellulare, riducendo, inoltre, il gonfiore addominale, il gonfiore in generale e l’edema, migliora

l’affaticamento delle gambe e migliora il flusso di ossigeno in tutto il corpo.

Il trattamento è assolutamente indolore, anzi è spesso riferita una piacevole sensazione di pressione sul corpo come avviene nei tradizionali massaggi.

Alla fine del trattamento si avverte solitamente la necessità di urinare a causa della stimolazione dei fluidi corporei che vengono fatti defluire nei canali linfatici e filtrati dai reni, finendo nelle urine.

INDICAZIONI

La pressoterapia trova largo impiego per la cura di:

  • Cellulite
  • Ritenzione idrica
  • Edemi venosi e linfatici
  • Problemi circolatori
  • Drenaggio postoperatorio

Una delle applicazioni più diffuse della pressoterapia è quella per contrastare la cellulite ed in generale gli accumuli di liquidi nel tessuto sottocutaneo (linfedema).

Come noto, la cellulite è determinata da un ristagno di lipidi, acqua e sostanze di scarto nel tessuto sottocutaneo.

Questo ristagno è determinato dall’interruzione dei canali di comunicazione linfatica e circolatoria ,

favorendo la formazione di questi accumuli di sostanze. Nel tempo la cronicizzazione del problema

porta alla formazione di tessuto fibroso che finisce per determinare la classica pelle a buccia

d‘arancia.

L’uso della pressoterapia, dunque, agisce su questi sistemi di comunicazione ristabilendo e

favorendo il drenaggio linfatico e la circolazione sanguigna. Il ripristino delle funzionalità, agendo

positivamente sullo smaltimento delle sostanze ristagnanti, favorisce la perdita di peso corporeo e la

riduzione della cellulite.

CONTROINDICAZIONI

Nonostante i numerosi benefici, la pressoterapia ha anche alcune controindicazioni limitate a quegli

individui che hanno particolari patologie o condizioni cliniche a rischio. Le restrizioni si estendono

anche a donne incinte o durante il ciclo mestruale, nonché a tutti quei soggetti con un quadro del

sistema circolatorio compromesso.

La pressoterapia è controindicata in caso di:

  • Gravidanza: Durante la gravidanza è sempre meglio consultare un medico o uno specialista per verificare che la pressoterapia non metta a rischio il feto .
  • Problemi cardiaci: La pressoterapia causa degli sbalzi di pressione dovuti alla compressione e alrilascio del macchinario. In particolare, al termine della seduta i liquidi in eccesso vengono espulsi tramite le urine quindi si verifica un abbassamento della pressione sanguigna.
  • Fratture recenti: In caso di osteoporosi o di fratture recenti si consiglia di consultare un ortopedico per valutare che la pressione erogata dal macchinario non sia eccessiva e non comprometta la formazione del callo osseo e la completa guarigione.
  • Interventi chirurgici: In seguito a interventi chirurgici recenti si sconsiglia l’uso della pressoterapia perché la compressione eccessiva della ferita può portare a complicanze o compromettere la guarigione dei tessuti. In questo caso è consigliato il linfodrenaggio manuale che non ha questo tipo di controindicazioni.
  • Diabete: Le persone affette da diabete devono consultare il medico prima di effettuare una seduta di pressoterapia perché il drenaggio linfatico può avere ripercussioni sul metabolismo corporeo.

Clinica della Colonna utilizza la pressoterapia come strumento terapeutico per curare patologie

come: Linfedema, Pannicolopatia Edematofibrosa (Cellulite), Diastasi Addominale.

Per ognuna di queste patologie abbiamo creato dei metodi di lavoro unici e specifici, che ci rendono specialisti a Ragusa nella risoluzione di queste problematiche di tipo dermato funzionale

Se vuoi saperne di più clicca QUI  o semplicemente chiama la Clinica della Colonna al 3888965649 per risolvere o avere info sulla tua problematica!